La vita è cinema

da SIC DIXIT Gen-Feb-Mar 2024
Maurizio Fiume: vita è cinema
A cura di Luciana Pennino, componente del Comitato Editoriale di PMI-SIC

Dallo speech al DIXIT il passo è breve… Ed ecco che Maurizio Fiume, keynote speaker all’Assemblea dei soci 2024, si racconta con trasparenza e passione, e io lo ringrazio!
La passione è quella che lo fa vivere di cinema per vivere meglio…

Maurizio, puoi datare il momento in cui hai capito che tra te e il cinema la storia era iniziata e che sarebbe stata molto lunga e intensa?
Ho avuto un mentore, mio fratello o meglio il mio fratellastro, Franco, di 18 anni maggiore. Era stato proiezionista in un cinema parrocchiale a Barra, un quartiere popolare alla periferia di Napoli. Ora è un quartiere un po’ degradato, ma negli anni ‘60 era solo un quartiere povero. Durante la mia infanzia non andavo al cinema: eravamo sei figli, mio padre era insegnante elementare e mia madre era casalinga, e non ce lo si poteva permettere. Io vedevo i film solo in televisione, il lunedì sul Programma Nazionale (ora RAI 1) e il mercoledì sul Secondo Programma (ora RAI 2). Poi c’era il sabato alle 13:30 la trasmissione Oggi le comiche, dove ho imparato a conoscere tutto il cinema comico muto, da Chaplin a Buster Keaton, ma anche Stanlio e Ollio. Infine una volta all’anno, a giugno, ogni mattina erano trasmessi i film in occasione della Fiera della Casa, che si svolgeva a Napoli. Di ogni film mio fratello sapeva dirmi tutto: attori, registi, sceneggiatori, scrittori (come Hemingway da cui erano tratti i film), produttori, generi. In quel periodo poi c’erano i cicli di film su attori e autori. E comparivano critici come Claudio G. Fava, Gianluigi Rondi, che presentavano il film prima della visione. Così mi sono formato la mia cultura cinematografica. La prima volta che sono andato al cinema avevo, credo, 6 anni. Venne a casa a trovarci mio zio Fernando. Lo sentii parlare con Franco di andare al cinema. Allora chiesi a mia madre cosa fosse il cinema. Fu lei a convincerli a portarmi con loro. Andammo al cinema Roma di Portici, dove abitavo (esiste ancora) e vedemmo un western a colori. Rimasi folgorato. Ogni anno alla Befana chiedevo attrezzature per fare film: il proiettore, la cinepresa, il registratore per il suono. E cominciai a realizzare i primi filmini. Ma già pensavo a creare una grande impresa di produzione!
Alle scuole medie avevo un amico, Gianni, che mi seguiva nelle mie follie. Poteva avere biglietti gratuiti per i cinema di Portici: io finanziavo la mancia alla maschera (risparmiando i soldi dell’autobus per andare a scuola, facendomi a piedi i tre chilometri da casa a scuola) e così cominciai a vedere decine di film. Ricordo che li vedevo più volte per smontarli e capire come funzionassero. Mi resi subito conto che avere una cinepresa non bastava per fare un film, bisognava prima scrivere il soggetto e progettarlo in tutti i particolari. La prima sceneggiatura di un corto l’ho scritta a 12 anni. Speravo di realizzarla con Gianni, ma lui ogni estate se ne andava in vacanza e io restavo a casa a sognare di fare un giorno i miei film.
Beh, questa tua prima risposta è anche un tenero amarcord per molti e molte di noi…
Tu ti ami definire cineasta. Perché?

Il contributo più importante al rinnovamento del cinema è stato dato dal movimento della Nouvelle Vague negli anni sessanta. Il cinema come lo conosciamo oggi non esisterebbe se non ci fossero stati François Truffaut, Jean-Luc Godard, Jacques Rivette, Claude Chabrol, Éric Rohmer. E delle tante intuizioni eccellenti di quel movimento mi è sempre piaciuto lo spirito di gruppo dei primi tempi, in cui tutti facevano tutto pur di realiz-zare le loro opere, scambiandosi i ruoli. Per cui, in un film Truffaut faceva l’operatore di Godard e in un altro Godard faceva lo sceno-grafo o il fonico. Credo che questo sia essere un cineasta: non importa il ruolo, l’importante è realizzare le opere. Oggi con le nuove tecnologie è possibile facilmente svolgere qualunque ruolo e, poiché il cinema si impara facendolo, questo aiuta i giovani a farsi una grande esperienza in breve tempo. Lo vedo con mio figlio Ariele, che vorrebbe fare l’attore ma aiuta i suoi amici registi ricoprendo qualunque ruolo pur di portare a casa il lavoro.
Complimenti ad Ariele… Buon sangue non mente!
Tu sei regista, sceneggiatore e produttore (di quanti film?) nell’ambito del cinema indipendente.
Ma cosa si intende per cinema indipendente e come possono essere definite queste tre professioni e quale senti maggiormente sulla pelle?

Io volevo fare lo sceneggiatore, ogni tanto il regista. Ho capito presto che in Italia non era possibile: se vuoi far vivere le tue storie, i tuoi personaggi sullo schermo, devi fare sia il regista che il produttore, altrimenti tutti intervengono su quello che hai scritto e ne fanno il loro film.
Durante il liceo e l’inizio dell’università persi un po’ di vista il cinema, non avevo compagni di avventura con cui fare gruppo anche solo per andare al cinema. Poi ci fu il caso di Io sono un autarchico di Nanni Moretti, ovvero un lungometraggio in super 8, e pensai che forse anch’io potevo fare il mio primo lungometraggio in super 8. Lavoravo a Napoli presso uno studio legale e qualcosa avevo cominciato a guadagnare. Comprai la migliore cinepresa super 8 e il miglior proiettore, oltre ad altre piccole attrezzature, e fui pronto per poter girare. Poi un giorno del 1984 andai a vedere Bianca, sempre di Moretti, e capii che si potevano fare grandi film con poco, ma con tante idee. Fu di lì a poco che conobbi il Centro Culturale Giovanile di via Caldieri al Vomero, a Napoli, dove guidati da un grande formatore, Pasquale Renza, realizzammo corti, rassegne, corsi e soprattutto conobbi i miei compagni di avventura: Antonio Cecchi, Roberto Gambacorta, Laura Sabatino, Stefano Incerti e il critico cinematografico (ora produttore) Dario Formisano. Nel 1990, con loro fondai la Riverfilm, con la quale iniziai proprio in stile Nouvelle Vague, a scrivere, produrre, dirigere corti e lungometraggi.
In quel periodo facevo la spola con Roma per seguire un corso di sceneggiatura tenuto dal premio Oscar Ugo Pirro e da Lucio Battistrada (famoso per aver scritto la serie La piovra). Lo stesso corso presso cui si era formato lo sceneggiatore di Bianca. Nel 1987 vinsi il Premio Cinema Democratico per il miglior soggetto con la storia sul giornalista ucciso dalla camorra, Giancarlo Siani, che avevo conosciuto direttamente e sul quale avevo una storia personale da raccontare.
Dopo il Premio, mi chiamò a Ercolano – dove la mia famiglia si era trasferita – il produttore Luigi De Laurentiis, che era uno dei componenti della giuria, dicendomi che voleva realizzare il film. Colsi l’occasione e mi trasferii a Roma.
Il film in realtà sfumò, ma entrai nel mondo del cinema dalla porta principale e dopo un anno di tentativi iniziai a lavorarci. Facevo il tutto-fare, ma mi divertivo: mi interessava capire come funzionava la macchina cinema dei professionisti.
Ho sempre faticato ad arrivare a fine mese – e anche oggi non sempre è facile. Alcuni mesi sono stati terribili, ma non mi sono mai pentito della mia scelta.
Il cinema è una passione e se ti avvolge non ne puoi fare più a meno. Truffaut diceva che gli amanti del cinema sono persone malate e che “fare un film significa migliorare la vita”. Sono totalmente d’accordo col maestro.
Non so a quanti film ho dato un mio contributo diretto o indiretto, credo centinaia. Nella maggior parte dei film non sono accreditato e molti sono progetti che non sono diventati film, rimanendo sulla carta.
Non parliamo di quelli dove non sono mai stato pagato…
Il cinema indipendente comporta fare film in completa autonomia, senza imposizioni sullo script, sulla scelta degli attori né dei collaboratori. In Italia è la cosa più difficile: quelli che mettono anche pochi soldi pretendono di intervenire su tutto. Per questo io da decenni non li propongo neppure i miei film ai finanziatori.
Significa vendersi, e io voglio fare solo film universali.
Poi se vogliamo parlare dal punto di vista della realizzazione tecnica, un film indipendente si dovrebbe fare seguendo il manifesto della Nouvelle Vogue (senza fondamentalismi), ovvero eliminando ogni sorta di artificio: niente proiettori, niente costose attrezzature, niente complesse scenografie; i film devono essere girati alla luce naturale del giorno, per strada o negli appartamenti, con attori poco noti, se non addirittura amici del regista, e le riprese dovrebbero essere effettuate con una camera a mano, accompagnata da una troupe tecnica essenziale costituita per lo più da conoscenti.
Con il progresso tecnologico odierno tutto questo è davvero alla portata di tutti; pochi hanno però il coraggio di farlo. Mancano le idee e gli sceneggiatori. Mancano i registi, quelli veri. Mancano i produttori. Presto mancheranno attori (veri) e tecnici (bravi), perché sono tutti in età di pensione e nessuno ha pensato al ricambio generazionale.
Sarà allora che si capirà che solo il cinema indipendente potrà salvare il cinema italiano.
E il tuo progetto di Ricerca e Sviluppo Efilm System che cos’è? Com’è nata l’idea?
È un sistema che permetterà alle nuove generazioni di fare film in breve tempo e a costi ridotti all’essenziale. In questo modo si produrranno più film. Il cinema si impara facendolo, come ho già detto, e bisogna dare ai giovani la possibilità di fare, sbagliare, rifare.
È strutturato in 3 step:
• L’Efilm Studio è un SaaS, ossia un software in cloud, che aiuta a gestire e pianificare tutto il processo di progettazione, produzione, diffusione di un film con l’I.A.
• L’Efilm Stage è un set altamente tecno-logico connesso con l’Efilm Studio e per-metterà di realizzare film in tempo reale, ovvero mentre si effettuano le riprese si realizza il film come nella diretta di un evento sportivo ma con il linguaggio cinematografico.
• L’Efilm Room è la cabina di regia connessa con l’Efilm Studio e l’Efilm Stage dove si postproduce in tempo reale il film e lo si trasmette in diretta streaming.
In pratica, con Efilm System si potranno realizzare film in diretta.
L’idea mi è venuta durante la lavorazione di due progetti, Chiove e Totò si rigira: due progetti realizzati in tempo reale e trasmessi in diretta. Chiove via satellite, Totò si rigira in streaming. Per questi due progetti il workflow era tutto tradizionale e manuale (carta e penna!).
Io l’ho trasformato in un sistema altamente tecnologico in modo da catturare le risorse dei progetti innovativi.
Il progetto ha ottenuto numerosi riconoscimenti: ha vinto il Primo Premio Nuovi Linguaggi e Proposte Innovative della Film Commission Regione Campania, si è qualificato su 5.262 imprese per la finale nazionale del Premio Cambiamenti CNA 2022, è stato sostenuto dall’incubatore certificato UNINA/CAMPANIA NEWSTEEL, da Camera di Commercio di Napoli/Voucher digitali I4.0 e dal MISE/Voucher Innovation Manager. Il sito BePlan ha inserito l’Efilm System tra i case study di successo.
Attualmente l’Efilm System è allo step Efilm Studio e nei prossimi mesi mi dedicherò agli step successivi, che richiedono investimenti importanti.
La realizzazione di un film è paragonabile a quella di un qualsiasi altro progetto? Ci parli del Project Manager in ambito cinematografico?
La realizzazione e la diffusione di un film è suddivisa in cinque fasi ed è simile al workflow di altri prodotti industriale o di artigianato evoluto. Tuttavia ci sono due caratteristiche che distinguono il processo di pro-duzione di un film dagli altri prodotti.
La prima: il film è un’opera creativa e quindi l’intero processo produttivo si deve confrontare costantemente con l’irrazionale.
La seconda: ogni film è un prototipo, che deve essere perfetto e funzionante come un’auto da mettere in una pista di Formula Uno e che deve vincere il campionato.
Nel cinema la figura del PM è assolta dal produttore. Negli ultimi anni è nata la figura dello showrunner: un creativo con competenze da produttore esecutivo, che conosce tutte le fasi di lavorazione e che, per questo, è in grado di orientare la progettazione, rendendo fattibili i progetti dei creativi. Ed è un po’ il lavoro che ho svolto io in 30 anni nella progettazione dei film indipendenti.
Quando hai compreso che l’I.A. avrebbe cambiato anche il modo di fare cinema, qual è stata la tua reazione?
Capisci l’I.A. quando la usi. Nella fase della progettazione dell’Efilm Studio ho subito capito che con gli algoritmi e il machine learning si poteva aumentare in maniera esponenziale il grado di accuratezza predittiva di un programma e portare un semplice gestionale a diventare un decision maker. Oggi l’I.A. generativa è diventata indispensabile: non credo che la si possa più ignorare o se ne possa fare a meno.
Essenzialmente, i suoi pro e contro?
L’I.A. generativa, nata appena un anno fa, è senza dubbio una rivoluzione. Siamo ancora alla scuola media di tale rivoluzione, ma quando, credo nel giro di due anni, avremo una I.A. generativa di livello universitario sarà inevitabile usarla.
È ancora acerba, ora, seppure risolve molti problemi a una velocità improponibile per un essere umano, sempre però con un contributo umano importante per il suo utilizzo più efficace. Il problema è la sua curva di apprendimento ancora elevata e, per questo, non alla portata di tutti: questo è il suo limite, oggi.
E in quali aspetti del cinema, a tuo parere, l’I.A. non potrà mai avere senso?
L’I.A. generativa sarà di grande aiuto come copilota dell’uomo in tutti i settori del lavoro, per la rapidità e la quantità di cose che può proporre. Ma non potrà mai essere sostitutiva dell’uomo. Laddove non potrà essere molto utile è nell’ideazione.
Secondo John Locke, le idee complesse so-no una combinazione di idee semplici. E i creativi lo sanno bene. L’I.A. potrà certamente proporre rapidamente numerose combinazioni, tutte però meccaniche. Perfette, ma algide. Solo l’uomo può aggiungere alle tante combinazioni di idee la propria anima, donare la parte irrazionale della mente allineata all’infinito.
Per dirla con Castaneda, è la nostra connessione con il lato attivo dell’infinito che ci rende umani. O, se preferisci, con Fellini, che diceva “Non si sa nulla. Tutto si immagina”, riassunta nella formula magica in 8 ½: Asa Nisi Masa.
Per questo le idee che potrà generare l’I.A. non saranno mai uniche come quelle che potrà generare un essere umano. E le sceneggiature e i film sono un grande dizionario di idee: senza l’essere umano non saranno mai unici. Sicuramente ci saranno film di grande successo, i blockbuster, costruiti a tavolino soprattutto grazie all’I.A., ma saranno sempre meccanici e algidi.
I film che ci emozioneranno e faranno parte della nostra esperienza di vita, solo l’uomo potrà realizzarli.

Pubblicato in BLOG | Lascia un commento

La nuova frontiera dell’arte riparte dal Sud

IL NOVELLIERE . Aprile 11, 2024
n.ro 12 del magazine culturale bimestrale.

La nuova frontiera dell’arte riparte dal Sud
di Maurizio Icardonna

Coraggioso ed anticonformista, Maurizio Fiume ha da poco aperto una nuova start-up innovativa con sede in Campania. A parlarci di ciò, e non solo, sarà proprio lui stesso.

Quest’anno, dopo aver lasciato la Riverstudio, ha fondato una nuova start-up avente come temi cardine l’I.A e l’animazione.
Come vede il futuro di quest’ultime realtà, e in quale modo, se presente, esse potrebbero coesistere e collaborare?

Non ho lasciato di mia iniziativa la Riverstudio. Dopo cinque anni di lavoro a tempo pieno in quella startup mi sono trovato senza avere più una prospettiva e in disaccordo con la mia socia. I miei figli, Sole e Ariele ventenni, mi hanno sollecitato a ripartire e ho deciso di ricominciare con loro. Solefilm, la nuova startup innovativa che ho fondato con loro, ha come missione la realizzazione di progetti cinematografici di animazione e live con l’aiuto della I.A. generativa. L’l.A. generativa è a uno stadio elementare. Ci vorranno almeno due anni prima che possa essere un co-pilota professionale nel nostro lavoro. Per ora può aiutare ad automatizzare delle funzioni ripetitive. In ogni caso non potrà mai sostituire l’essere umano. Sarà un nuovo strumento che dovremo imparare a usare. L’animazione cinematografica da anni ha avuto una evoluzione diventando “pensata” per gli adulti. La digitalizzazione, grazie alla CGI (Computer Generated Imagery), ha permesso di ottenere risultati innovativi nella progettazione delle storie, aumentando la qualità delle opere.
La strada è lunga, ma la nascita di nuove imprese in Italia lascia ben sperare per il futuro. L’I.A. generativa e l’animazione digitale potrebbero contribuire a creare un distretto creativo-produttivo cinematografico indipendente di tipo artigianale, diverso dai distretti creativi industriali (che, secondo me, non ci appartengono) che pure in Campania stanno nascendo.
Lei, così come altri artisti, ha avuto un seguito e un riconoscimento maggiore all’estero rispetto che in Italia. Secondo lei a cosa è dovuta questa poca attenzione del cinema italiano nei confronti di opere e autori non fortemente commercializzati?
In Italia ci si muove all’interno di un circolo ristretto di persone. Il mondo del cinema, in particolare, è una specie di villaggio in cui ci si conosce tutti. Come in ogni circolo, ci sono delle regole e se ne fai parte devi rispettarle se vuoi sederti al tavolo di gioco. Io ho scelto di essere un outsider, un indipendente. Non mi piace essere condizionato da regole esterne nelle mie scelte tematiche e artistiche.
A volte il mio punto di vista ha dato fastidio a qualcuno. Ho sempre pensato di vivere in un paese in cui ci possa civilmente confrontare sulle idee e sui punti di vista. Ho sperimentato su me stesso che spesso così non è.
Quali sono gli obiettivi a breve termine che si pone sia come autore singolo, che come CEO di una Start-up così innovativa e settorializzata?

Come autore ho un solo mio progetto che vorrei fare ed è Isola, la storia di mio padre a Cos durante la seconda guerra mondiale. Spero prima o poi di riuscirci. Per ora concentrerò le mie risorse su Solefilm che è nata da pochi giorni. Una startup non opera nel “breve termine”. Le idee devono maturare, devono essere trovati fondi ingenti, bisogna creare un team di giovani entusiasti. C’è bisogno di tempo. Abbiamo alcuni progetti a breve termine. Abbiamo co-organizzato con PMI Southern Italy Chapter il webinar Il Project Management per lo sviluppo dei progetti cinematografici e il workshop COME SI PRODUCE UN FILM INDIPENDENTE anche con l’I.A. in presenza a Salerno e on line con Vetruvio Accademy e il patrocinio di PMI Southern Italy Chapter per individuare possibili giovani collaboratori della startup. Produciamo il docudrama dal titolo SANSONE, ambientato nella casa di reclusione di Eboli, grazie al sostegno della direttrice, la dottoressa Concetta Felaco. La casa di reclusione di Eboli è un istituto dove il detenuto non è sempre costretto in una cella ma può svolgere una delle tante attività scolastiche, professionali, ricreative che la struttura offre. La struttura è più simile ad una comunità che a un carcere e mi piace riuscire a raccontare il quotidiano dei detenuti, un quotidiano che io per prima ignoro. Stiamo collaborando con Iuppiter Edizioni per la realizzazione del graphic novel, vincitore del Premio SIAE Per chi crea Nuove Opere, di mia figlia Sole che sarà pubblicato a settembre. Da questo progetto vorremmo realizzare un lungometraggio d’animazione utilizzando l’I.A. generativa. Pensando a obiettivi a lungo termine, intendo dedicare molte delle risorse al progetto EFILM SYSTEM. È il progetto di Ricerca & Sviluppo che ho portato con me dalla precedente start-up. Si tratta di un workflow di produzione cinematografico innovativo che proporrà nuovi metodi di organizzazione del lavoro e nuove modalità di gestione delle relazioni esterne in una logica di partnership e di condivisione digitale che favorirà l’inclusione di creativi e tecnici delle ultime generazioni.
Lei gestisce anche un corso di sceneggiatura e produzione cinematografica. A proposito di ciò, come vede le nuove generazioni di sceneggiatori? Secondo lei stanno portando su piccolo e grande schermo opere impegnate, oppure sono anch’essi in balia di questo sistema di cui ha parlato?
Ho grande fiducia nelle nuove generazioni. Sono dei vulcani di idee innovative e coraggiose. Sono al di fuori del “circolo” del cinema e conservano la loro libertà di esprimersi. Saranno loro che cambieranno il modo di come il cinema verrà pensato, realizzato e diffuso. Allo stato attuale manca una nuova generazione di sceneggiatori e produttori. Quando ho cominciato io negli anni ottanta, mi ritrovavo agli incontri sul cinema, con miei coetanei. Oggi non vado più agli incontri perché ritrovo le stesse persone di 30 anni fa. In Italia si è impedito ad una nuova generazione di farsi strada. Basta andare in Europa e le cose sono opposte, sceneggiatori e produttori sono tutti giovani. Lo so che spesso i giovani si sentono smarriti, persi. Avrebbero bisogno di una strada che li agevoli nella loro ricerca del nuovo. I giovani devono coalizzarsi e combattere perché se il cinema avrà un futuro, sarà solo per merito loro.

Pubblicato in BLOG, Rassegna Media | Lascia un commento

L’Altro

Titolo: L’altro
Titolo international: LOST IDENTITY
Durata: 15’
Scritto, prodotto, diretto: Maurizio Fiume
Interpreti:
Teresa Saponangelo, cameriera, moglie
Yari Gugliucci, Antonio
Tony Laudadio, Gennaro
Immagini: Gennaro Visciano
Scenografia: Livio Sessa
Costumi: Giovanna Napolitano
Suono: Carlo Licenziato
Montaggio: Alessandro Corradi
Musiche e canzoni: Tony Canto, Ferruccio Spinelli Petra Magoni
Diffusione: Maurizio Fiume STUDIO
Tel. +3906916500172
mauriziofiumestudio@gmail.com

http://mauriziofiumestudio.it/

Logline: L’ALTRO

Un uomo si ritrova suo malgrado ad interpretare se stesso, pur trovandosi nei panni di un altro.
Disorientato scopre che la sua identità non è l’unica ad essere stata insabbiata.

Pubblicato in BLOG, Film, Maurizio Fiume Studio | Lascia un commento

Isotta

Isotta su YouTube ha superato 3.300.000  (3.315.500 visualizzazion) di visualizzazioni
Senza Marketing.
Grazie a tutti coloro che l’hanno visto.
E’ stato il mio primo film presentato alla Mostra del cinema di Venezia nel 1996.
“>Regia di Maurizio Fiume- ISOTTA

Pubblicato in BLOG, Diario di bordo, Dicono di me, Film | Lascia un commento

Il Regista

Il regista è
un Maestro d’orchestra
che dirige tutti gli strumenti,
nell’umiltà
e nella consapevolezza
di non sapere tutto
ma con la capacità
di ascoltare
e collegare tutto
(cit.)
Pubblicato in BLOG, Diario di bordo | Lascia un commento

workshop COME SI PRODUCE un film – studio di casi reali

info e prenotazioni
come.si.scrive.un.film@gmail.com

Quando si tiene?
Sabato 20 ottobre 2018 10-14 (pausa pranzo) 15-19
Domenica 21 ottobre 10-14 (pausa pranzo) 15-19

Pubblicato in Formazione | Lascia un commento

workshop COME SI PRODUCE un film – interventi

Il primo intervento del workshop di sabato 20 ottobre
Mariarosaria Figliolia ha scritto e lavorato sul set di Rosso Perfetto

Pubblicato in Formazione | Lascia un commento

workshop COME SI PRODUCE un film – studio di casi reali

info e iscrizioni
come.si.scrive.un.film@gmail.com

Quando si tiene?
Sabato 20 ottobre 2018 orario 10-19 (con pausa pranzo)
Domenica 21 ottobre 2018 orario 10-19 (con pausa pranzo)

Dove si fa?
Napoli ad. metro UNIVERSITA’

Cosa è?
È una due giorni di workshop intensivo che racconta come si produce un film
Il corso si basa sullo studio di casi reali.
In particolare studieremo insieme la produzione dei Corti Imaie che abbiamo realizzato a luglio 2018.
(a cui hanno preso parte ex allievi del workshop di febbraio/marzo 2018, che saranno presenti e vi racconteranno la loro esperienza)

Chi ha organizzato il workshop?
Il workshop è organizzato da Maurizio Fiume
Regista, produttore e sceneggiatore di lungometraggi, documentari, cortometraggi

Da anni lavora nel cinema e mette con passione e generosità a disposizione dei suoi allievi le sue esperienze concrete.
Ai più meritevoli viene sempre (e da sempre) data la possibilità di prendere parte ai progetti che realizza.
Se non ci credete, domandate a chi vi ha preceduto.

Quando?
Sabato 20 ottobre 10-14 (pausa pranzo) 15-19
Domenica 21 ottobre 10-14 (pausa pranzo) 15-19

Dove?
Napoli ad. metro UNIVERSITA’
(facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici)

Quali sono le finalità del workshop?
1. Imparare le best practices del cinema.
2. Acquisire una preparazione utile per superare gli esami di ammissione alle scuole di cienma.
3. Poter essere in grado di lavorare nell’audiovisivo e avere la possibilità di essere formati e coinvolti nei prossimi lavori di Maurizio Fiume.

E’ un corso rivolto a giovani professionisti o aspiranti under 35.

Come si svolge?
Il workshop sarà suddiviso in 4 moduli.

1 Modulo – La diffusione
A seguito della visione dei cortometraggi girati, faremo una analisi della sceneggiatura ante e post riprese. Saranno presenti gli allievi del precedente workshop che esamineranno il percorso seguito. Analizzeremo il piano di lavoro, l’ordine del giorno e il diario di lavorazione. Ci sarà poi il confronto tra il preventivo di spesa e il rendiconto di spesa.

2 Modulo – La preparazione
Avremo modo di osservare da vicino gli strumenti che vengono utilizzati e tutte le attività preliminari: partendo dalla sceneggiatura, lo spoglio, i sequenziari, il piano di lavoro, il preventivo di spesa. Cash Flow. Come si reperiscono le location. La individuazione e la selezione degli attori. La formazione della troupe. Le prove degli attori. La riunione di produzione. Le convocazioni.

3 Modulo – Le riprese
Entreremo nel vivo di una giornata tipo. L’ordine del giorno. Il momento dell’arrivo sul set. L’allestimento dei reparti e il loro coordinamento. Il piano delle inquadrature. Le prove sul set. Infine le riprese e la verifica. Il diario di lavorazione. Gli errori commessi. La chiusura delle riprese. Le riconsegne.

4 Modulo – La post produzione
Durante il workshop ci occuperemo infine della scelta del montatore. Sarà presente il montatore dei corti Imaie. I problemi tecnici. La messa in fila. Il premontato, le integrazioni. Le musiche e i titoli di testa e coda. La copia definitiva. Infine, il resoconto della lavorazione.

Ospiti: due professionisti (uno sceneggiatore e un produttore) a sorpresa. Parleranno dello showrunner: è una figura necessaria nel cinema e nell’audiovisivo italiano?
Perché il prossimo workshop sarà proprio su Come si diventa showrunner.

Quanto costa?
Il costo complessivo per i due giorni di workshop intensivo è di 190 euro a persona.
Chi non può partecipare dal vivo, potrà seguire il webinar in diretta, ponendo domande per chat. La quota d’iscrizione è 90 euro a persona.

Che altro si deve sapere?
1 – I posti disponibili sono limitati a 12
2 – Se porti un amico, hai uno sconto del 20%
3 – Partecipando di persona a questo workshop potresti essere selezionato per i prossimi lavori in produzione
4 – Pausa pranzo e pausa caffè sono gentilmente offerti

Come ci si iscrive in 3 step?
1) Scrivi immediatamente una mail a
come.si.scrive.un.film@gmail.com
2) Specifica perché vuoi seguire questo workshop e quali esperienze competenze possiedi.
3) Paga subito l’iscrizione con paypal in modo da essere certo di avere il tuo posto al workshop.

#s3gt_translate_tooltip_mini { display: none !important; }
Pubblicato in Formazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

workshop COME SI PRODUCE UN FILM senza budget

dalla sceneggiatura al film
razionalizza, organizzazione, pianificazione, ottimizzazione del processo produttivo ed organizzativo di un audiovisivo
8 incontri di 4 ore ciascuno. In totale 32 ore.
1° modulo 17 febbraio ore 11-15 e 16-20 e 18 febbraio 2018 ore 10-14 e 15-19
2° modulo 3 marzo ore 11-15 e 16-20 e 4 marzo 2018 ore 10-14 e 15-19
Posti limitati.
Il workshop di Alta Formazione ha l’obiettivo di formare personale qualificato per lavorare nel campo della produzione audiovisiva e cinematografica, e di perfezionare le competenze e tecniche di chi già lavora nel settore.
il workshop è rivolto principalmente a coloro che volessero lavorare in preparazione e sul set in produzione al prossimo lavoro (previsto a marzo/aprile) come miei collaboratori.
Tra i partecipanti al workshop saranno selezionati 5 candidati.

rivolto esclusivamente a coloro che volessero lavorare in preparazione e sul set in produzione al prossimo lavoro (previsto a marzo/aprile) come miei collaboratori

Metto a disposizione il lavoro sul campo
fatto in 30 anni di esperienza

PROGRAMMA

La preparazione

primo incontro
L’organizzazione. Materiale artistico: soggetto, relazione artistica, relazione deroga teatri di posa, elenco tecnici, elenco personale artistico, sceneggiatura. La preparazione. Tecnica di preparazione. Spoglio della sceneggiatura. Break-down delle scene. Sequenziario.
secondo incontro
Preparazione. Elenco ambienti interni, elenco ambienti esterni. Elenco personaggi. Fabbisogno scene e costumi. Piano di lavorazione. Formazione della troupe. Il preventivo di spesa. Rapporti con stabilimenti e fornitori. Cash-flow (fabbisogno cassa). La contabilità del film.
terzo incontro
Pianificazione. Materiale di produzione. Spoglio della sceneggiatura, piano di lavorazione grafico, piano finanziario, preventivo di spesa. Domanda nazionalità preventiva, domanda inizio lavorazione.
quarto incontro
Preparazione ed organizzazione delle riprese. Il lavoro sul set. L’allestimento. Preparazione attori. Preparazione scenografia. Preparazione costumi e trucco/parrucco.
Le riprese
quinto incontro
Le riprese. Il suono. La verifica del lavoro di ripresa
sesto incontro
Il ruolo del regista. I compiti dei capireparto. L’organizzazione della squadra.
settimo incontro
Verifica pianificazione e costi delle riprese. Pagamenti personale e fornitori.
ottavo incontro:
La postproduzione
Piano di postproduzione. Lavorazioni postproduzione
Per poter partecipare è necessario iscriversi pagando la quota prevista a Napoli Film Academy (info@napolifilmacademy.it 3332214579 o 081 408685).
Lavora nel cinema come producer, production manager da 30 anni. È specializzato nella produzione di lungometraggi, documentari e cortometraggi con poche risorse. Ha creato due cooperative di produzione cinematografica napoletane, la Riverfilm e la Icarowebfilm con le quali ha prodotto molti dei suoi lavori. È stato il fondatore di indinapolicinema, la prima associazione dei cineasti napoletani e ha organizzato il primo Forum sul Cinema Indipendente. Tiene corsi di sceneggiatura e produzione dal 1987.
Tra i suoi lavori Gorbaciof con Toni Servillo, I Giocatori – un film di Enrico Ianniello, Sabato, domenica e lunedì (tv movie) regia di Paolo Sorrentino.
Pubblicato in Diario di bordo, Formazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Workshop COME SI PRODUCE UN FILM INDIPENDENTE

Workshop
COME SI PRODUCE UN FILM INDIPENDENTE
preparazione, pianificazione, organizzazione, ottimizzazione della produzione cinematografica

a febbraio a Napoli

rivolto esclusivamente a coloro che volessero lavorare in preparazione e sul set in produzione al prossimo lavoro (previsto a marzo/aprile) come miei collaboratori

Metto a disposizione il lavoro sul campo
fatto in 30 anni di esperienza

occasione unica:
l’ultima volta che ho fatto questo corso è stato nel 2001 a Roma, propedeutico al film e io ti seguo.
In quell’occasione 3 partecipanti mi seguirono per tutta la preparazione e le riprese.

Ecco il sommario della dispensa dell’epoca
PARTE GENERALE

la nazionalità italiana
i contratti cinematografici
finanziamenti italiani
Come si organizza un corto
Attività della pre-produzione
Operazioni della Progettazione
Operazioni della Pianificazione
Operazioni del Finanziamento
Attività della PREPARAZIONE
Attività delle Riprese
Attività della Post-Produzione
Attività della Promozione
Operazioni della PROGETTAZIONE
D.M. 18/3/99 n. 126
Regolamento recante norme per l’ammissione dei cm ai mutui -
Denuncia di Inizio Lavorazione
Domanda Finanziamento
Adempimenti a corto terminato
Domanda Premio di qualità
Domanda di Riconoscimento Nazionalità
Domanda Premio di qualità
Domanda per Revisione
D.M. 18 marzo 1999 n. 126
Organigramma Dipartimento Spettacolo
Capo del Dipartimento dello Spettacolo
Ufficio II per le attività cinematografiche
Ufficio V per gli studi … (censura)
Commissione Consultiva per il Cinema
Commissione unica per i lungometraggi, i cortometraggi …
Commissione per il credito cinematografico
News: i cortometraggi finanziati
Fac-simile domanda fondo art. 8 per corti
Fac-simile denuncia inizio lavorazione corti
Documenti con copia campione per premio di qualità
Fac-simile domanda premio qualità corti
Fac-simile dichiarazione autentica
Fac-simile auotcertificazione documenti sociali
Fac-simile dichiarazioni prestazioni gratuite
Domanda di revisione
Modulo Nulla Osta
Modulo deposito proprietà letteraria
Contratto tipo individuale

PARTE PRATICA

domanda fondo art. 8 per corto Pugni nell’aria
denuncia inizio lavorazione corto Pugni nell’aria
soggetto corto Pugni nell’aria
preventivo dettagliato del costo corto Pugni nell’aria
piano finanziamento corto Pugni nell’aria
piano grafico di lavorazione corto Pugni nell’aria
elenco personale tecnico corto Pugni nell’aria
elenco personale artistico corto Pugni nell’aria
fac-simile lettera d’intenti distribuzione
relazione regista finalità artistiche corto Pugni nell’aria
sceneggiatura corto Pugni nell’aria
sequenziario generale spoglio corto Pugni nell’aria
foglio spoglio sceneggiatura
sequenziario per scena
sequenziario per ambienti
sequenziario per personaggi
sequenziario per costume
sequenziario per fabbisogno
piano di lavorazione
piano di lavorazione grafico
preventivo da completare
minimi salariali settimanali per filmati
listino kodak
listino technicolor
listino augustus color e fono roma
determinazione rapporto fotogrammi/tempo
listino rec
listino trasportatori

Pubblicato in BLOG, Diario di bordo, Formazione | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento